Grande soddisfazione del nostro Gruppo Alpini per la ce­rimonia dell'Incontro italo-austriaco della Pace a ricordo dei Caduti e delle Vittime civili della Grande Guerra presso il Cimitero Militare di Caoria svoltasi nel giugno 2002.La manifestazione ha riscontrato un gran successo con la partecipa­zione di numerose autorità politi­ che Italiane, dall 'Europarlamentare Onor. Giacomo Santini che portava il saluto del Ministro della Difesa all'Onor. Antonio Martino, l'Onor. Pieran­tonio Zanettin, S.E. il Commissa­rio del Governo dott. De Muro, il questore di Trento Nicola Alfino, il Presidente della Giunta Provinciale Lorenzo Dellai, il Vice presidente del Consi­glio Regionale del Trentino Alto Adige Franco Panizza, molti assessori Provinciali e consiglieri da Sergio Muraro, Tarcisio Grandi ecc.
Autorità religiose S.E. L'Arcivescovo di Trento Luigi Bressan che ha celebrato la Santa Messa in vetta al monte Cauriol, il capp. mil. Mons. Mario Mucci Capo servizio interforze del Trentino e Alto Adige che con numerosi altri cappellani hanno concellebrato la Messa in vetta al monte Cauriol, il capp. mil. Mons.Mucci  che con numerosi altri cappellani hanno concellebrato la Santa Messa presso il rinnovato Cimitero Militare di Caoria Santa Messa che è stata trasmessa in diffusione nazionale, internazionale ed intercontinentale da Radio Maria. Molte le presenze delle Autorità militari, dal comandante della Brigata Julia Gen. Campregher, ai coman­danti della Guardia di Finanza e dei Carabinieri. Molto folta anche la rappresentanza austriaca con una numerosa delegazione di Kaiserjager e Kaiserschutzen d'Innsbruck, la rappresentanza ufficiale del parlamento Austriaco dott. Bernd Brugger, la rappresentanza della Presidenza dellaCroce Nera Austriaca dott. Strnad Walter e il dott. Magister Helmut Hums Sindaco di Mitterndorf an der Fischa in Austria, in rappresentanza anche degli altri comuni austriaci che ospitarono durante la Grande Guerra migliaia di profughi originari del Trentino. Oltre 300 nostri paesani, di cui ben 36 furono lì sepolti. La manifestazio­ne internazionale, oltre alla commemorazione di tutti i Caduti ha visto il CimiteroMilitare della Grande Guerra di Caoria riportato dopo tanto tempo alla sua sacralità originale. Grande è stata la partecipazione di pubblico con consistenti riflessi sulla stampa e sulle tv locali. La cerimonia internazionale, l'Incontro italo-austriaco della pace a ricordo dei Caduti e delle Vittime civili della Grande Guerra, si è svolta nel vero spirito dell'Unità Europea. Tutto il programma si è svolto regolarmente come previsto ottenendo un consenso superiore alle aspettative. Grande soddisfazione per ilQuesto riconoscimento è stato consegnato dal Console Ono d'Austria Mario Eichta al Gruppo Alpini di Caoria alla presenza del Sindaco di Canal San Bovo Micheli Fulvio, dal Vicepresidente del Consiglio Regionale Dott. Franco Panizza e dal Comandante Provinciale della Guardia di Finanza Col. Dott. Enrico Cecchi.Gruppo Alpini anche per l'inaspettato, impor­tante ed ambito riconoscimento, fino ad ora mai concesso a nessuna struttura museale del Trentino, ricevuto successivamente, la me­daglia d'oro con attestato della Croce Nera Austriaca per i meriti acquisiti in difesa e rispetto della memoria storica al Museo della Grande Guerra di Caoria.Questo riconoscimento è stato consegnato dal Console Ono d'Austria Mario Eichta al Gruppo Alpini di Caoria alla presenza del Sindaco di Canal San Bovo Micheli Fulvio, dal Vicepresidente del Consiglio Regionale Dott. Franco Panizza e dal Comandante Provinciale della Guardia di Finanza Col. Dott. Enrico Cecchi.Gruppo Alpini anche per l'inaspettato, impor­tante ed ambito riconoscimento, fino ad ora mai concesso a nessuna struttura museale del Trentino, ricevuto successivamente, la me­daglia d'oro con attestato della Croce Nera Austriaca per i meriti acquisiti in difesa e rispetto della memoria storica al Museo della Grande Guerra di Caoria.
© 2016 Gruppo Alpini di Caoria. Tutte le immagini ed i testi sono riservate.

Da vedere