Dopo tre anni di silenzioso e impegnativo lavoro il Gruppo Alpini Caoria è orgoglioso di presentare,al piano terra di casa Tretti (sotto il Museo della Guerra),la nuova Mostra Permanente dedicata agli animalie alle tecniche della loro conservazione ed esposizione.Tassidermia(greco taxis “disposizione” e  “pelle”),tecnica che consente di conservareanimali morti mantenendone l’aspetto e le dimensioni naturali. Sebbene anch’esso sia volto a evitare la decomposizione dell’organismo, il metodo seguitoè molto diverso dai procedimenti di imbalsamazione usati, per esempio,dagli antichi egizi.

Cenni Storici

L’arte della tassidermia ha origini abbastanza recenti: è infatti legata all’interesseper le scienze naturali che caratterizzò l’illuminismo. Le rudimentali tecnichedel XVIII secolo, basate sull’impagliatura, evolvettero fino a consentire riproduzioni sempre più realistiche: nacque infine la figura del tassidermista, un esperto spesso al servizio dei musei. Il primo importante laboratorio tassidermicofu il Rowland Ward’s Ltd., fondato a Londra attorno al 1850. Altri nomi celebri sono la Maison Verreaux di Parigi e il Ward’s Natural Science Establishment di Rochester.Fu qui che Akeley e altri studiosi misero a punto tecniche che portarono alla moderna tassidermia.Dopo aver eseguito accurate misurazioni e osservazioni sul colore e sulle fattezze dell’esemplare, il tassidermista spella l’animale e ne costruisce un manichino di gesso o argilla, che appoggia sullo scheletro o su una copia di quest’ultimo.La tecnica, inventata all’inizio del XX secolo dal naturalista americano (1864-1926), prevede poi che la pelle venga trattata con soluzioni chimiche,applicata sul manichino e infine ricucita.Il risultato è ancora più realistico se il lavoro viene completato con l’applicazione di occhi di vetro e se si colorano le eventuali parti sbiadite e si  il mantello dell’animale.Per gli uccelli il tassidermista usa solamente manichini di legno o trucioli pressati ai quali fissa la testa, le zampe e le ali mediante filo metallico.Rettili e anfibi vengono invece riprodotti in gesso, cera o plastica e poi colorati. La realizzazione di copie in materiale sintetico viene preferita anche per i pesci, sebbene al calco vengano talvolta applicate parti vere dell’animale, di solito la coda e le pinne.

Carl Akeley

© 2016 Gruppo Alpini di Caoria. Tutte le immagini ed i testi sono riservate.

Da vedere

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali.
Il conferimento dei dati è obbligatorio, necessario per rispondere alle richieste inviate nonché per ricontattare il mittente per ottenere precisazioni in ordine a quanto segnalato. I dati personali forniti dagli utenti sono utilizzati ai fini della spedizione e per l'elaborazione di studi e ricerche statistiche, anche nell’ambito delle valutazioni delle segnalazioni in tema di revisione della spesa. I dati personali non saranno comunicati a soggetti estranei al processo di spedizione. I dati raccolti potranno essere divulgati in forma anonima e potranno essere utilizzati per report e statistiche. I dati raccolti sono trattati con strumenti informatici. I dati saranno conservati in una forma che consenta l’identificazione dell’interessato per un periodo di tempo non superiore al completamento dell’istuttoria e delle valutazioni oggetto della comunicazione stessa. Idonee misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

Il titolare del trattamento dei dati raccolti è:

Gruppo ANA Caoria
Via Ghiaie - 38050 CAORIA (TN).

Diritti degli interessati

I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l'origine, verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 del d.lg. n. 196/2003).
Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte al titolare del trattamento dei dati personali.

Cookie

Il Sito utilizza:

  • cookie di sessione il cui utilizzo non è strumentale alla raccolta di dati personali identificativi dell'Utente, essendo limitato alla sola trasmissione di dati identificativi di sessione nella forma di numeri generati automaticamente dal server.
    I cookie di sessione non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell'Utente e vengono cancellati automaticamente alla chiusura del browser.
  • cookie di terze parti per la condivisione su alcuni tra i principali social network (Facebook , Twitter, Google+, WhatsApp, YouTube).
    Ogni volta che l'Utente decide di interagire con i plug-in ovvero accede al Sito dopo essersi "loggato" attraverso il proprio account Facebook o Twitter, alcune informazioni personali potrebbero essere acquisite dai gestori delle piattaforme di social network (per esempio, la visita dell'Utente al Sito).

Il gruppo alpini di caoria non ha accesso ai dati che sono raccolti e trattati in piena autonomia dai gestori delle piattaforme di social network. Per maggiori informazioni sulle logiche e le modalità di trattamento dei dati raccolti dai social network, gli utenti sono invitati a leggere le note informative sulla privacy fornite dai soggetti che forniscono i servizi in questione: