FAREMO FARE UN GRAN PASSAPORTO......

faremo_fare1
15,00 € cad. Out of stock

+

Dal diario di Loss Francesco "Checchin" internato politico in Italia

Novecento, secolo carico di passioni, ideologie, progresso tecnologico e scientifico, ma anche violenza, stragi e lutti che hanno segnato in profondità il cammino dell'uomo moderno.Una dei fautori di tali cambiamenti è stata senz'altro la prima guerra mondiale, che con il suo carico di violenza, morte e distruzione, portò un cambio di prospettiva della crescita infinita e progressiva dell'umanità.Fu un'esperienza che lacerò e segnò in profondità l'esistenza degli esseri umani che la vissero, e così fu anche per i protagonisti della storia che ci viene raccontata. Un racconto carico di emozioni e sentimenti, spiegati con una semplicità disarmante, proprio perché raccontati dai sopravvissuti e dalle testimonianza autentiche di chi purtroppo a quegli eventi non è sopravissuto; come il Checchin che, con i suoi diari, è riuscito a trasmetterci una forza d'animo ed una intraprendenza sensazionali, dettate dallo spirito di sopravvivenza e dalla volontà di riabbracciare e ritrovare i propri legami affettivi che l'evento guerra ha scardinato e sovvertito ma che, proprio per la loro solidità non è riuscita a rompere,... nemmeno dopo la morte, "...morendo el Checchin el me le ha affidade a mi e guai a chi che ghe tocca an cavì...."."....Sempre coraggio", l'esortazione che fa il Checchin alla moglie è la dimostrazione di forza di una popolazione che, defraudata da tutto e tutti riesce a sopravvivere e rialzarsi da una condizione di totale disperazione. Forte è la voglia di vivere, di ritrovarsi, di ricominciare e tale forza non verrà mai messa in discussione dai vari protagonisti che travolti dagli eventi, lottando contro una guerra non voluta alla fine riescono a riconquistare, se pur lacerata, la propria amata terra e ricominciare...... Molte sono le storie come quella riportata nel libro, ma per fortuna non tutte sono state dimenticate. La loro ci deve far pensare a quanto abbiamo conquistato e alavorare affinché accadimenti come la guerra rimangano solo un evento storico da studiare e sul quale riflettere.Allo stesso tempo testimonianze come quella del Checchin ci devono servire per rafforzare al meglio il rapporto con la nostra terra, che, in quanto terra di confine deve sempre mantenere la propria identità culturale, grande punto di forza e di carattere, anche in eventi così tragici.Infine un sentito ringraziamento, al Gruppo Alpini di Caoria e ad Aldo Loss che con il suo lavoro, con la sua passione, è stato in grado di ricostruire in modo dettagliato uno spaccato di vita vissuta in anni tragici per tutti gli uomini, facendosi così portatore e custode di una parte della Memoria di Caoria.Marco Depaoli Rappresentante per il Primiero Vanoi nel Consiglio Provinciale del Trentino.

© 2016 Gruppo Alpini di Caoria. Tutte le immagini ed i testi sono riservate.

Da vedere

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali.
Il conferimento dei dati è obbligatorio, necessario per rispondere alle richieste inviate nonché per ricontattare il mittente per ottenere precisazioni in ordine a quanto segnalato. I dati personali forniti dagli utenti sono utilizzati ai fini della spedizione e per l'elaborazione di studi e ricerche statistiche, anche nell’ambito delle valutazioni delle segnalazioni in tema di revisione della spesa. I dati personali non saranno comunicati a soggetti estranei al processo di spedizione. I dati raccolti potranno essere divulgati in forma anonima e potranno essere utilizzati per report e statistiche. I dati raccolti sono trattati con strumenti informatici. I dati saranno conservati in una forma che consenta l’identificazione dell’interessato per un periodo di tempo non superiore al completamento dell’istuttoria e delle valutazioni oggetto della comunicazione stessa. Idonee misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

Il titolare del trattamento dei dati raccolti è:

Gruppo ANA Caoria
Via Ghiaie - 38050 CAORIA (TN).

Diritti degli interessati

I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l'origine, verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 del d.lg. n. 196/2003).
Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte al titolare del trattamento dei dati personali.

Cookie

Il Sito utilizza:

  • cookie di sessione il cui utilizzo non è strumentale alla raccolta di dati personali identificativi dell'Utente, essendo limitato alla sola trasmissione di dati identificativi di sessione nella forma di numeri generati automaticamente dal server.
    I cookie di sessione non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell'Utente e vengono cancellati automaticamente alla chiusura del browser.
  • cookie di terze parti per la condivisione su alcuni tra i principali social network (Facebook , Twitter, Google+, WhatsApp, YouTube).
    Ogni volta che l'Utente decide di interagire con i plug-in ovvero accede al Sito dopo essersi "loggato" attraverso il proprio account Facebook o Twitter, alcune informazioni personali potrebbero essere acquisite dai gestori delle piattaforme di social network (per esempio, la visita dell'Utente al Sito).

Il gruppo alpini di caoria non ha accesso ai dati che sono raccolti e trattati in piena autonomia dai gestori delle piattaforme di social network. Per maggiori informazioni sulle logiche e le modalità di trattamento dei dati raccolti dai social network, gli utenti sono invitati a leggere le note informative sulla privacy fornite dai soggetti che forniscono i servizi in questione: